Maturità 2018

Racconti

21/06/2018

Maturità 2018

 

Prova Tecnica

 

Sassari 21 Giugno 2018

 

        

Traccia: Il popolo

 

Svolgimento:

 

Siamo il popolo che guarda i mondiali di calcio che si giocano in un paese dove il regime elimina giornalisti e antagonisti scomodi, ma chissenefrega, l’Italia non c’è in questi mondiali.

Siamo anche il popolo delle ricevute fiscali mancate, siamo quelli che ‘se non si fa il nero mica si guadagna’, e allora poveretti, gli chiediamo la ricevuta e alla fine paghiamo di più?

Siamo il popolo che nega l’esistenza di un mercato di schiavi ad uso e consumo di un credo politico, negandolo su ogni social pur di difendere quel credo, urlandolo al contrario per arrogarsi il diritto di aver votato il giusto.

Siamo il popolo dell’intramenia forzata, che pur di salvarsi la vita pagherebbe qualunque cosa, senza ricordarci che già regolarmente paghiamo la sanità pubblica, ma nel mercato politico la sanità è una corposa fetta, che noi non mangiamo anche se lievita grazie a noi.

Siamo il popolo che manda i figli nella scuola privata perché un credo politico sta distruggendo ad arte quella pubblica, lo stesso credo politico che possiede banche, assicurazioni, strutture sanitarie private e scuole altrettanto private, bancomat di quel miserabile credo, e tanti, troppi, continuano a credere in quel credo, difendendolo, votandolo, lasciandogli un egemonia che sta mandando a puttane qualsiasi forma di maturità, di futuro.

Siamo infatti anche il popolo che, “cazzo, basta con la vecchia politica” ma che deride la nuova, la cui “maggioranza vince”.

Siamo il popolo che di cultura potrebbe vivere, di turismo potrebbe vivere, ma che la domenica è meglio se non si lavora, siamo il popolo che svende patrimoni naturali e lascia le vecchie pietre sotto l’erba, nascondendo e facendo distruggere storia, arte e cultura.

Siamo un popolo in balia di mafia ‘ndrangheta e camorra.

Siamo il popolo che nonostante le pratiche consolidate in millenni tra le mura delle chiese lasciamo i figli in mano a preti che innaturalmente non possono riprodursi, rigenerarsi, e quindi avere sfoghi biologici naturali, con tutto quel che, documentato abbondantemente, ne consegue.

E siamo anche il popolo che a questa chiesa, potente e invasiva, permette sconti e gratuità intoccabili, a discapito di chi?

 

Siamo il popolo a discapito di tutti quelli che usano il popolo per eleggersi ad elite, a giudici e a controllori.

Siamo un popolo relativo, vessato, troppo educato, e troppo spaventato.

Siamo tanto consapevoli dei danni che stiamo subendo quanto impotenti, spesso vigliacchi, spesso indifferenti nell’egoismo di un finto benessere.

La verità rende liberi, non siamo un popolo libero.

 

Allora cosa cazzo stiamo insegnando ai ragazzi, ai maturandi, ai futuri presidenti della repubblica, ai soldati, ai piloti, agli artisti, agli insegnanti, agli spazzini, cosa stiamo insegnando loro?

La maturità? Chi gliela sta insegnando? Questo popolo?

Buona fortuna Maturandi. Mi auguro che impariate meglio di questo popolo, voi che sarete il popolo del futuro.

 

Cesare

 

21 Giugno 2018