Dialogo tra domande e risposte

Racconti

03/07/2017

Dialogo tra domande e risposte

 

 Ciao, ma cosa stai facendo?

Produco.

Ma perché così, è così tanto?

Perché voglio lasciare tanto a tanti.

Ma chi credi che sia interessato a tanto?

Io.

E tu quanto vali ?

Valgo io.

Quindi vali in funzione della percentuale di tutti.

No, valgo in funzione della mia percentuale, quindi 100%

E quando non ci sarai più?

Magari ci sarai tu, e altri, non sarà un mio problema non esserci.

Ci saranno tutti, e prima o poi altri e mai più nessuno di quelli che ci sono ora.

Ovviamente, ma rimarrà quello che sto producendo, e io sarò qua con tutti quelli nuovi.

Vero, ma adesso non stai vivendo per produrre, non credi sia una inutilità?

Vivo eccome, produco solo quando e se mi va, e farlo mi crea un piacere assoluto perché tutto quello che produco sei, per esempio, tu, e quello che vivo, chi vivo, chi non vivo più, quel che ho fatto e faccio e farò, realtà e fantasia, dolore amore gioia e possibilità, urla e deliri miei e di altri, emozioni di tutti, natura, sole mare e terra, aria e fuoco.

Insomma una continua autobiografia.

Più che una autobiografia direi un’eterna trasfigurazione, io mi immedesimo e mi riporto, mi leggo e mi riscrivo, mi maschero e mi spiego. Ma anche cerco di capire senza capire, cerco di far scorrere il tempo usandolo senza modificarlo.

Ti annoi?

Mai.

Consideri questo dialogo costruttivo?

No, considero costruttivo solo un dialogo dove si sviscerano  delle ignoranze, dove emergono delle sconosciute emozioni o delle chimiche mai provate.

Mi trovi quindi banale?

Sei solo blandamente curioso, non hai mai chiesto nulla che non  fosse già nelle mie righe, in quello che produco, in quello che respiro, e non mi hai mai dato modo do fare a te una domanda.

Perché non mi hai mai fatto una domanda?

Le tue stesse domande me lo hanno impedito, qualunque domanda ti avrebbe messo in ridicolo, tanto vale continuare a rispondere, il mio banale sarà sempre meglio della tua eccellenza.

Grazie, testa di cazzo.

Di nulla.

 

Cesare

 

3 Luglio 2017